Salta al contenuto principale
Passa alla visualizzazione normale.

Il trasferimento tecnologico attraverso gli spin-off e gli accordi di collaborazione con le imprese.

24-giu-2019

Il nostro Ateneo, al pari degli altri Atenei italiani, sviluppa in via prioritaria tre percorsi di valorizzazione della ricerca. Il primo, e prevalente, riguarda la tutela brevettuale. Il secondo riguarda la valorizzazione a mercato dei brevetti, sia mediante la cessione degli stessi, in una o più delle modalità giuridiche, il secondo si concretizza nella generazione di spin-off, il terzo infine riguarda la instaurazione di rapporti di collaborazione fra strutture dipartimentali ed imprese per la realizzazione di percorsi innovativi anche di natura incrementale, ma con impatti non banali sulla capacità competitive a di queste ultime.

 

La valorizzazione del portafoglio brevetti dell’Ateneo ha comportato la cessione di 11 brevetti e la creazione di 7 Spin-off grazie a brevetti depositati presso l’Ateneo di Palermo. Le imprese spin-off , costituite da (almeno) un professore/ricercatore universitario e/o da un dottorando/contrattista/studente che abbia effettuato attività di ricerca pluriennale su un tema specifico, possono essere considerate forme sperimentali e di prima fase di validazione, implementazione ed utilizzazione produttiva dei prodotti di ricerca.

 

Al 31 dicembre 2018, l’Ateneo di Palermo conta 29 imprese Spin-off di cui il 51,72% sono state create da professori appartenenti al dipartimento di Ingegneria (nello specifico il 24,14% da professori appartenenti all’ex DICAM; il 10,34% all’ex DICGIM; il 10,34% all’ex DIID e il 6,90% all’ex DEIM). Degno di nota è il fatto che 3 imprese Spin-off sono state create da professori appartenenti al Dipartimento di Architettura a dimostrazione della dinamicità ed eterogeneità dell’Ateneo Palermitano.

 

Nome

Struttura di riferimento

CyclopusCAD (ex MEDICAD ) S.r.l.

Dipartimento Fisica e Chimica

Biosurvey S.r.l.

Dipartimento di Scienze della Terra e del Mare (DiSTeM)

e.lab s.r.l.

Dipartimento di Ingegneria (ex DICAM)

Informamuse s.r.l.

Dipartimento di Ingegneria (ex DICGIM)

Mirc S.r.l.

Dipartimento di Biologia cellulare e dello sviluppo

Abiel S.r.l.

Biopatologia e Biotecnologie Mediche e   Forensi (DIBIMEF)

intelener srl

Dipartimento di Ingegneria (ex DICGIM)

APWonders s.r.l.

Dipartimento di Ingegneria (ex DICGIM)

SBSkin s.r.l.

Dipartimento di Architettura (DARCH)

PADesign S.r.l.

Dipartimento di Architettura (DARCH)

NeuroTeam S.r.l.

Dipartimento di Psicologia

New Digital Frontiers s.r.l.

Dipartimento Culture e Società

In.Sight s.r.l.

Dipartimento di Ingegneria (ex DEIM)

WECONS s.r.l.

Dipartimento di Ingegneria (ex DICAM)

Qanat Engineering s.r.l.

Dipartimento di Ingegneria (ex DICAM)

Navhetec S.r.l.

Dipartimento di Biopatologia e Biotecnologie Mediche

Labor Artis CR Diagnostica S.r.l.

Dipartimento di Scienze e Tecnologie Biologiche Chimiche e Farmaceutiche (STEBICEF)

EngCosys s.r.l.

Dipartimento di Ingegneria (ex DEIM)

U4Learn s.r.l.

Dipartimento di Fisica e Chimica

ResourSEAs s.r.l.

Dipartimento di Ingegneria (ex DIID)

Dipartimento di Ingegneria (ex DICGIM)

Safety Environmental Engineering s.r.l.

Dipartimento di Ingegneria (ex DICAM)

GOforMed S.r.l

Dipartimento Discipline Chirurgiche, Oncologiche e Stomatologiche (DICHIRONS)

V.I.S.I.ON S.r.l.

Dipartimento di Scienze Economiche, Aziendali e Statistiche (DSEAS)

ELSE s.r.l.

Dipartimento di Ingegneria (ex DICAM)
Dipartimento di Ingegneria (ex DIID) -
Dipartimento di Ingegneria (ex DICGIM)

PerGen s.r.l.

Innovazione Industriale e Digitale (DIID) -
Ingegneria Chimica, Gestionale, Informatica, Meccanica

Design4 S.r.l.

Dipartimento di Architettura (DARCH)

MEADOW s.r.l.

Ingegneria Civile, Ambientale, Aerospaziale, dei Materiali (DICAM)

Sistelma s.r.l.

Dipartimento di energia, ingegneria dell'Informazione e modelli Matematici (DEIM)

AMED s.r.l.

Ingegneria Civile, Ambientale, Aerospaziale, dei Materiali (DICAM)

 

 

 

Il terzo filone di attività, quello che prevede la ricerca della domanda di innovazione delle imprese ed il suo matching con la ricerca dei dipartimenti è questa appena avviata grazie al bando MISE-UTT di Palermo.

 

In questi anni si è proceduto alla mappatura dei progetti di ricerca sviluppati nei Dipartimenti di Unipa, facendo puntuale riferimento ai progetti finanziati con Fondi ministeriali, europei e regionali. Le linee di ricerche ed i risultati sin qui conseguiti sono stati mappati e classificati per ambiti scientifico-tecnologici e raccordati/incrociati con i settori produttivi verso i quali gli stessi sono stati, o potrebbero essere, canalizzati.

I contatti con i Dipartimenti di area scientifico-tecnologica, ma soprattutto l’incontro generale esteso a tutti i dipartimenti dell’Ateneo, hanno messo in evidenza i ritardi ancora diffusi in materia di orientamento della ricerca verso i percorsi di valorizzazione a mercato. Ciò ha confermato l’opportunità di iniziative finalizzate, alla diffusione della “cultura della valorizzazione” della ricerca; il che presuppone, fra l’altro, la conoscenza degli strumenti che Unipa mette a disposizione dei ricercatori per porre in atto le procedure di tutela della proprietà intellettuale, step questo fondamentale per la successiva azione di valorizzazione economica dei prodotti.

 

Per quanto riguarda la domanda di innovazioni, si è proceduto ad estrarre dalla banca dati Bureau Van Dijck un set di 500 imprese – selezionate per settori Ateco, e per dimensioni (fatturato/dipendenti) – localizzate nel territorio regionale dal quale è stato poi estrapolato un sottoinsieme di 150 imprese accomunate dalla presenza nell’Attivo dei loro Stati Patrimoniali di “Immobilizzazioni Immateriali” (spese di R&S, Marchi, etc.) segnaletiche di un orientamento strategico verso le problematiche di innovazione.

Tra il 2018 e il 2019 da questo set sono state individuate 40 imprese che sono state contattate per sondarne l’interesse allo sviluppo di rapporti di collaborazione, o per l’acquisizione di prodotti di ricerca già definiti e posti sotto tutela (brevetti). Nel primo anno di progetto, 20 imprese sono state oggetto di specifiche visite che hanno avuto un duplice obiettivo. Da un lato proporre i prodotti di ricerca già definiti ed inseriti nel portafoglio brevetti di Unipa e dall’altro sviluppare un audit tecnologico finalizzato ad individuare i fabbisogni innovativi già definiti o soltanto latenti dell’impresa. Nel primo semestre del 2019 sono state oggetto di specifiche visite 8 imprese e, rispetto al primo anno, sono stati organizzati 2 tavoli di trasferimento tecnologico fra gruppi di ricerca e le imprese che alla fine dell’audit richiedevano un supporto tecnico all’Ufficio Trasferimento Tecnologico.

 

Nel corso del secondo semestre del 2019 si cercherà di aumentare l’attività di trasferimento tecnologico attraverso la creazione di Tavoli Tecnici fra le imprese e i gruppi di ricerca presenti nel nostro Ateneo.