Salta al contenuto principale
Passa alla visualizzazione normale.

Coronavirus e biblioteche - Servizi

25-mar-2020


Indicazioni e linee guida per la Fase 2 (prenotazione, prestito e restituzione)

 

In ottemperanza alle normative nazionali riguardanti le misure urgenti di contenimento del contagio sul territorio nazionale, anche il nostro Ateneo, seguendo quanto indicato in decreti e comunicazioni del Magnifico Rettore e del Direttore generale, ha rimodulato l'erogazione dei servizi resi dalle biblioteche.


In particolare sono state create la nuova pagina Le Biblioteche UniPa per la didattica a distanzache contiene indicazioni per accedere da casa a collezioni, servizi e strumenti del Sistema Bibliotecario; una sezione dedicata alle risorse digitali in abbonamento suddivise per disciplina; la pagina Covid-19: iniziative e contributo degli editori per l'accesso gratuito ai contenuti digitali.
 
Sono sempre disponibili, per gli utenti UniPa, i servizi a distanza:
 
- accesso alle collezioni digitali con credenziali di Ateneo (eBook, riviste scientifiche e banche dati)
assistenza via chat per richiedere informazioni su servizi e risorse bibliografiche, consulenze e document delivery
- consulenza per la pubblicazione dei lavori di ricerca e l'archiviazione su IRIS (supporto online inviando una mail a: iris@unipa.it)

Sono stati aumentati da 2 a 4 i prestiti digitali su MLOL (MediaLibraryOnLine)

Sono state eliminate le code di prenotazione per il prestito digitale degli ebook Mondadori ed Einaudi su MLOL (Media Library Online)

 
Fino a nuove disposizioni: 
 
- è sospesa l'apertura delle sale lettura
- la data di scadenza di tutti i libri in prestito è stata propogata al 28 maggio
- sono sospesi i servizi dell'Archivio storico 

 

Si comunica inoltre che alcuni bibliotecari dell'Ateneo, in servizio sia presso le biblioteche che presso gli uffici centrali di coordinamento, fruiscono in questo periodo dell'istituto dello smart working, svolgendo la propria attività lavorativa a distanza. Sono, quindi, raggiungibili via e-mail e non al numero di telefono delle proprie postazioni.