Salta al contenuto principale
Passa alla visualizzazione normale.

M041 - TEORIA, PROGETTAZIONE E DIDATTICA DELL'ITALIANO COME LINGUA SECONDA E STRANIERA

BANDO per accedere al Master di II livello in "Teoria, progettazione e didattica dell'italiano come lingua seconda e straniera" (2018-2019)

 

 33497834_1579634975492787_5546508701491265536_o


Pubblicato sul sito di ateneo il bando per accedere alla nuova edizione del Master di II livello in "Teoria, progettazione e didattica dell'italiano come lingua seconda e straniera (2018-2019).


vai al bando

 

Giunto alla sua ottava edizione, il Master si rinnova nella struttura e si arricchisce nei contenuti. La nuova edizione prevede, infatti, una didattica interamente online, con moduli interattivi che consentono una partecipazione più dinamica. Tra i moduli proposti, alcuni approfondimenti tematici tra cui l'italiano L2 a scuola e la didattica a migranti con basse competenze alfabetiche.

Le attività di tirocinio si svolgeranno come sempre in presenza, anche alla Scuola di Lingua italiana per Stranieri, dove i corsisti saranno coinvolti nelle nostre classi e nei corsi di lingua. Il tirocinio si potrà svolgere anche in altre realtà italiane e straniere, ma comunque sotto la supervisione dei docenti del Master.

 

Il Master prevede 1500 ore (tra didattica, tirocinio, supervisione, studio individuale) e 60 CFU.


Scadenza per la presentazione delle domande: 22 marzo 2019.


Contatti: masteritastra@unipa.it

 

Alfabetizzazione e italiano L2. Ricerca, pratiche e politiche dalla scuola al volontariato - Palermo, 3 ottobre 2018

 

In occasione del XIV Simposio su Literacy Education and Second Language Learning for Adults (LESLLA), che si terrà a Palermo dal 4 al 6 ottobre 2018 (www.leslla2018.it), la Scuola di Lingua italiana per Stranieri (ItaStra) organizza una giornata di studi sul tema dell’alfabetizzazione e dell’apprendimento dell’italiano come lingua seconda nella scuola e nel mondo del volontariato. L’incontro avrà luogo nella sede di Itastra il 3 ottobre 2018, dale 9.00 alle 16.00.

CALL FOR PAPER (Italiano)  - CALL FOR PAPER (Inglese)

Pre-LESLLA Conference, 3 Ottobre 2018 "Alfabetizzazione e italiano L2. Ricerca, pratiche e politiche dalla scuola al volontariato"  CALL FOR PAPER

Per informazioni: leslla2018@unipa.it

XIV Symposium LESLLA (Literacy Education and Second Language Learning for Adults), Palermo 4-6 ottobre 2018

 

 

Dal 4 al 6 ottobre 2018, la Scuola di Lingua italiana per Stranieri dell'Università di Palermo ospiterà il XIV Simposio su Literacy Education and Second Language Learning for Adults (LESLLA) dal titolo "People, languages and literacy. Research, practice and policies".

Vai al sito: www.leslla2018.it

LESLLA è un forum internazionale di ricercatori accomunati dall’interesse nella ricerca sullo sviluppo delle lingue seconde da parte di migranti adulti con bassa o nulla scolarità all’arrivo nel paese d’arrivo. Gli studiosi raggruppati attorno a LESLLA si incontrano annualmente per condividere informazioni e risultati a supporto della ricerca sull’acquisizione delle L2 da parte di questa popolazione di apprendenti. Scopo della ricerca LESLLA è fornire solide linee guida per sviluppare nei paesi d’arrivo politiche educative adeguate ai bisogni dei migranti.

Hanno confermato la propria partecipazione come relatori invitati: Theo Marinis (University of  Reading), Martha Young-Scholten (Newcastle University), Massimiliano Spotti (Tilburg University)

Call for paper (Italiano) (Inglese)

In previsione del Simposio, ItaStra organizza una giornata di studi sul tema "Alfabetizzazione e italiano L2. Ricerca, pratiche e politiche dalla scuola al volontariato". L’incontro avrà luogo nella sede di Itastra il 3 ottobre 2018, dale 9.00 alle 16.00.

L’ordine del discorso sulle migrazioni. Manipolazioni fra politica, storia e diritto all’informazione

 

Nell'ambito delle iniziative di avvicinamento alla sessione del "Tribunale permanente dei Popoli", che si terrà a Palermo dal 18 al 20 dicembre del 2017, il 15 dicembre a S. Antonino si svolgerà un laboratorio da 3 CFU da convalidare fra le attività formativa a scelta dello studente, dal titolo: "L’ordine del discorso sulle migrazioni. Manipolazioni fra politica, storia e diritto all’informazione"

Il laboratorio, della durata di 20 ore, è rivolto agli studenti dei corsi di laurea L20 in Scienze della comunicazione per i media e le istituzioni e Scienze della comunicazione per le culture e le arti e della L37 (Sviluppo economico e cooperazione internazionale – Sviluppo economico, cooperazione internazionale e migrazioni). Oltre alle sedute del Tribunale, il laboratorio prevede una giornata preparatoria, che si svolgerà venerdì 15 dicembre nella sede della Scuola di lingua italiana per Stranieri dell’Università di Palermo (complesso di S. Antonino). Il seminario di apertura ha l’obiettivo di affrontare, da punti di vista diversi, uno dei temi sottesi alla sessione palermitana del Tribunale dei Popoli, ossia quello della manipolazione del discorso pubblico sulle migrazioni. Tale manipolazione, che coinvolge non soltanto il mondo politico ma anche quello dell’informazione, pare negli ultimi tempi (come mostrano le polemiche sui soccorsi in mare dei migranti da parte delle ONG) sconfinare nella distorsione dei fatti allo scopo di trasformare il fenomeno migratorio in un fenomeno legato alla sicurezza sociale più che ai diritti umani.

Numero massimo di partecipanti previsti: 50

 

Per iscriversi, scrivere a giuseppe.paternostro@unipa.it e in copia salvatore.squillaci@unipa.it

 

Per il programma completo scraica il pdf: L'ordine del discorso sulle migrazioni

 

"Ponti di parole" alla Mostra del libro didattico, Milano 2-19 maggio 2017

 

LocandinaB-pdf

Lunedì 15 maggio alle ore 16 e 30 presso la libreria internazionale "Il libro", via Ozanam 11, Milano, verrà presentato

PONTI DI PAROLE. Percorso integrato multimediale di lingua italiana per apprendenti dai più bassi livelli di scolarità, a cura di ItaStra, Gruppo di lavoro adulti a bassa e media scolarità, Università di Palermo. Volumi alfa e alfa 1. Interverranno Adriana Arcuri e Chiara Tiranno.

Vai all'invito

La presentazione del volume fa parte della Mostra del libro didattico 2017Vai al programma

 

 

Omaggio a Tullio De Mauro

17458218_1436343396387920_4198572874234296021_n

  

Un pomeriggio nel nome di Tullio De Mauro. È l’iniziativa della libreria Modusvivendi fissata per il 31 marzo alle ore 18.30, a quasi tre mesi dalla scomparsa del grande linguista.

Protagonisti dell’incontro saranno le cose più care a De Mauro in decenni di militanza intellettuale e accademica: i testi. Infatti momento culminante del pomeriggio sarà la lettura di alcuni degli scritti della sterminata produzione demauriana.

Significativamente ad alternarsi nella lettura saranno i 'lettori ideali' di De Mauro, ovvero i giovani in formazione. Ci saranno gli studenti della Scuola di Lingua italiana per Stranieri (ItaStra) dell’Università di Palermo e del Master  in Teoria, progettazione didattica dell’italiano come lingua seconda e straniera. Presenti e lettori anche gli studenti dei corsi di linguistica italiana dei docenti Luisa Amenta, Marina Castiglione e Giuseppe Paternostro dell'ateneo palermitano.

A Rosa Calò, Mari D’Agostino e Antonella Marchese il compito di delineare il complesso lascito di Tullio De Mauro al settore dell’italianistica, dell’analisi  e della semplificazione dei testi, della didattica.

"Dobbiamo a Tullio De Mauro –dichiara Mari D’Agostino direttrice ItaStra- la sensibilità, oramai diffusa e prima di lui quasi assente, a considerare la comprensione non soltanto un’attività che si ferma al testo, ma che deve essere giocata in termini di diritti e di emancipazione della persona, soprattutto per i più deboli. Pensiamo ad esempio ai giovani e alle donne immigrate per i quali conoscere la lingua d’arrivo, l’italiano nel nostro caso, è una sfida per la sopravvivenza e l’affermazione nella società e nel mondo del lavoro”.

Evento facebook https://www.facebook.com/events/1865214570418680/

Percorso multimediale “Ponti di parole. Livello Alfa”: Materiali per il docente

Ponti

  

Presentiamo le prime tre unità di Ponti di Parole Livello AlfaPercorso integrato multimediale di lingua italiana per apprendenti adulti dai più bassi livelli di scolarità, a cura di ItaStra - Gruppo di lavoro "Adulti a bassa e media scolarità".

Scopo di questi materiali è fornire una descrizione completa del progetto e consentire di sperimentarne una parte nelle classi: i materiali a disposizione costituiscono infatti un segmento completo del percorso, vale a dire le prime tre unità del libro e i loro corrispettivi multimediali. Sono presenti inoltre la presentazione generale, il tutorial delle attività e l’indice del manuale.

L’opera completa consta invece, oltre che dei materiali qui disponibili, delle restanti 14 unità sul volume e dei corrispettivi multimediali, dei test di ingresso, delle verifiche, di alcune attività aggiuntive, della trascrizione dei testi dei video e dell’indice per obiettivi.

I volumi successivi, Livello Alfa 1 e Livello A1/A2 e i relativi materiali multimediali sono invece in uscita rispettivamente a febbraio e ad aprile.

Scrivendo ai seguenti indirizzi è possibile acquistare l’opera al prezzo di 6,50 euro a volume e di 13 euro per l’accesso ai materiali multimediali scaricabili.

Acquistando dieci volumi l’ accesso ai materiali scaricabili è gratuito.

pontidiparole@gmail.com

info@newdigitalfrontiers.com

Le modalità di gestione  del progetto  Ponti di Parole e più in generale la didattica dell’italiano a soggetti a bassa scolarizzazione sono inoltre oggetto del  Corso di Perfezionamento on line “Italiano L2 per apprendenti adulti” dell’Università di Palermo, a cura del Gruppo di Lavoro “Adulti a bassa e media scolarità” della Scuola di Italiano per Stranieri, ItaStra, che ha prodotto l’opera che qui presentiamo.

Per informazioni scrivere a: perfezionamentoitastra@unipa.it

“Nuovi migranti e nuova didattica. Esperienze al CPIA Palermo 1”

Cop.-Nuovi-migranti..

Curato da M. D’Agostino, ordinario di Linguistica italiana e Direttore della Scuola di Lingua italiana per Stranieri, e G. Sorce, Dirigente del CPIA 1 Palermo, il volume ricostruisce una proficua esperienza di collaborazione tra mondo universitario e un’istituzione scolastica, quale appunto il CPIA. Così le autrici nella Premessa: “di fronte a problemi nuovi, di grande rilevanza sociale e insieme di grande complessità, come  quello dell’ingresso nella scuola italiana di giovani ed adulti immigrati, in parte poco alfabetizzati, che devono insieme apprendere la lingua italiana e alcuni saperi di base necessari per l’inserimento nella nuova società, è fondamentale mettere in comune esperienze e riflessioni, forze ed entusiasmo. Senza paura di condividere anche i fallimenti e le frustrazioni, le incertezze e le difficoltà.” Una collaborazione che, a fronte delle diversità costitutive e di intenti dei soggetti coinvolti, è stata per una volta semplice, “improntata a una logica del fare insieme, dello sporcarsi le mani con la quotidianità della didattica e delle ricerca in territori nuovi, e insieme con la consapevolezza del ruolo fondamentale delle diverse realtà educative nell’inclusione sociale della popolazione migrante da una parte e nella costruzione di argini e antidoti contro forme diverse di intolleranza e rifiuto del diverso dall’altra.”

Al centro dell’esperienza, infatti, si colloca un inedito segmento della popolazione migrante, i Minori Stranieri Non Accompagnati (MSNA), cioè «minori stranieri, presenti nel territorio dello Stato, non aventi cittadinanza italiana o di altri Stati dell’unione europea che, non avendo presentato domanda di asilo, si trovano in Italia, privi di assistenza e di rappresentanza da parte di genitori o di adulti per loro legalmente responsabili». Ragazzi, per la maggior parte maschi, “che – leggiamo ancora nella Premessa al volume – hanno la forza e l’energia che deriva loro dalla straordinaria esperienza compiuta (cioè l’essersi messi in viaggio da soli da luoghi lontanissimi, in condizioni spesso drammatiche) ma anche dalla giovane età.” Molti di loro non hanno mai frequentato le aule scolastiche e arrivano quindi in Italia analfabeti o semianalfabeti nella lingua materna.

Un fenomeno nuovo e in costante crescita. E una nuova sfida per la ricerca didattica. Di qui la pubblicazione del volume, una scelta basata sulla convinzione “che solo la messa in comune delle esperienze, con generosità e senza pretesa di completezza e di perfezione, può consentire alla scuola italiana di costruire nuovi modelli educativi proprio nel campo dell’educazione degli adulti che da cenerentola del sistema dell’istruzione è chiamata improvvisamente a svolgervi un ruolo centrale, sperimentando modelli di didattica e di formazione degli insegnanti assolutamente innovativi. Ancora una volta ribadendo che l’immigrazione è una grande opportunità, una sfida per il cambiamento.”

Master di II livello in Teoria, progettazione e didattica dell’italiano come lingua seconda e straniera” – Pubblicate le Linee guida 2016-2017

 

Al via l’VIII edizione del Master in Teoria, progettazione e didattica dell’italiano come lingua seconda straniera, che partirà a metà febbraio con una versione aggiornata delle proprie linee guida.

Vai alle Linee guida 2016-17

Bando Master di II livello in “Teoria, progettazione e didattica dell’italiano come L2/LS” – SCADENZA: 13 GENNAIO

MG_3086-1-1140x500

 

Il bando per partecipare alla nuova edizione del Master di II livello in “Teoria, progettazione e didattica dell’italiano come lingua seconda e straniera è stato pubblicato sul sito di Ateneo:

Bando_Master_2016-2017

Scadenza 13 gennaio 2017

 

CHI SIAMO

Il Master è una realtà formativa del Dipartimento di Scienze umanistiche e lega la propria esistenza alla Scuola di Lingua italiana per Stranieri. Da anni le nostre attività intercettano i bisogni del territorio, aprendosi non solo agli studenti stranieri in mobilità, ma pure alla scuola e al complesso mondo dei migranti.

CHI PUÒ ACCEDERE

Laureati di II livello o con laurea equipollente;

Cittadini stranieri con titolo equipollente e con certificazione di italiano, livello B1 del QCER

SBOCCHI OCCUPAZIONALI

Docenti di italiano a stranieri e a immigrati; Progettisti di percorsi formativi di italiano L2/ LS; Progettisti e realizzatori di materiali didattici; Collaboratori ed esperti linguistici in Università e Istituzioni straniere; Titolo di specializzazione in Italiano L2 per il personale docente della scuola.

OFFERTA FORMATIVA

Durata annuale, 1500 ore (60 CFU)

150 ore didattica in presenza (lezioni, seminari, laboratori)

130 ore di approfondimenti

120 ore formazione a distanza assistita

300 ore di tirocinio e project work

150 ore di progettazione guidata (in aula o online)

SEDI DEL TIROCINIO

Scuola di lingua italiana per Stranieri, Università di Palermo

Università e Istituzioni straniere convenzionate

Scuole italiane con classi plurilingui

Associazioni e comunità impegnate con giovani migranti

COSTI E BORSE DI STUDIO

Immatricolazione: 2052 euro (in due rate)

Borse di studio INPS per figli di dipendenti pubblici

 

 

Ponti di parole. Percorso integrato multimediale di lingua italiana per adulti a bassa scolarità

 

 

 

Pubblicato Ponti di parole, un percorso di apprendimento dell’italiano rivolto ad adulti a bassa scolarizzazione, frutto del lavoro di ricerca del “Gruppo di lavoro adulti a bassa e media scolarità” della Scuola di Lingua italiana per Stranieri.

Vai allo sfogliabile

Vai alla presentazione

Odisseo arriving alone

ODISSEO-locandina-18.30-web

 

Dal 16 al 22 dicembre, Complesso Universitario S. Antonino
Odisseo arriving alone   
narrazioni / arti visive / /musica / libri / performance / laboratori dal mondo dei migranti e dei minori stranieri non accompagnati

Inaugurazione delle esposizioni e presentazione del volume Odisseo arriving alone
16 dicembre 2016 ore 19.00

 
 

Assegnato il “Label europeo delle lingue” al profilo professionale del nostro Master”

 

Label

Il Profilo professionale “Docente di italiano come lingua seconda a minori stranieri non accompagnati: una competenza didattica finalizzata all’inclusione sociale” (programma interno al Master di II livello in “Teoria, progettazione e didattica dell’italiano come lingua seconda e straniera, a.a. 2012-2013) è risultato vincitore del “Label europeo per le lingue”.

Il Profilo professionale del Master per diventare insegnanti di italiano

Per il 2014, su 24 candidature pervenute, solo 6 sono i progetti selezionati e premiati da una commissione composta da membri delle autorità nazionali e delle agenzie italiane con la collaborazione di due esperti provenienti rispettivamente dall’Agenzia spagnola e Francese.

Il Profilo professionale del Master per diventare insegnanti di italiano dell’Università di Palermo rappresenta l’unica candidatura premiata del sud Italia e legata al mondo accademico ed è stata scelta per l’eccellenza della proposta didattica e per le finalità inclusive nei riguardi di una utenza particolarmente fragile quali sono i minori non accompagnati.

 

ArcuriLabel

La prof.ssa Adriana Arcuri ritira il premio durante la manifestazione a Roma

La cerimonia di premiazione si è svolta a Roma il 9 dicembre nello Spazio Europa, centro polifunzionale gestito dall’Ufficio d’informazione per l’Italia del Parlamento europeo e dalla Rappresentanza in Italia della Commissione europea. Ha ritirato il premio la prof. Adriana Arcuri, supervisore del Master

Cos’è il Label europeo per le lingue?

Il Label viene assegnato nell’ambito del Progetto Erasmus +, gestito dalla Commissione europea, DG Istruzione e Cultura, in cooperazione con gli Stati Membri, con l’assistenza dell’Agenzia esecutiva per l’istruzione, gli audiovisivi e la cultura e delle Agenzie nazionali dei diversi paesi partecipanti. Ogni anno vengono selezionati i progetti più innovativi realizzati per l’apprendimento e l’insegnamento delle lingue nell’ambito dell’istruzione e della formazione professionale. E’ un “etichetta di qualità” finalizzata a promuovere le competenze linguistiche dei cittadini europei. Per saperne di più e per iscriversi al Master per diventare insegnanti di italiano(candidature aperte fino al 22 dicembre) bastaconsultare il bando o scrivere a masteritastra@unipa.it

 

 

Salta, canta, muoviti, mettiti a testa in giù: stai imparando una lingua (10 ottobre 2014)

 

1973521_744432595612099_2363522092432345288_o-1140x760

Il 10 ottobre2014, alle ore 18 alla Real Fonderia della Cala, all'interno del Festival "Le vie dei tesori", la Scuola di Lingua italiana per Stranieri e il Master di II livello in Teoria, progettazione e didattica dell’italiano lingua seconda e straniera” presentano l’evento “Rilassati, canta, salta, mettiti a testa in giù: stai imparando una lingua".  

Alcuni laboratori (di canto, di movimento, di teatro) e la presentazione di un volume Verso una didattica linguistica riflessiva. Percorsi di formazione iniziale per insegnanti di italiano lingua non materna (a cura di Egle Mocciaro e Adriana Arcuri), mostrano ad esperti e a giovani in formazione o anche a semplici curiosi l’affascinante percorso che porta a costruire insegnanti di lingua e, in particolare, insegnanti di italiano lingua seconda.

Il Master, attivo da alcuni anni nell’Ateneo di Palermo e che ha già formato decine di docenti che oggi insegnano in Italia e all’estero, presenta il suo percorso formativo.

Fotogallery

Locandina

Suoni in movimento. Il corpo nella didattica dell'italiano (9 luglio 2012)

391200_388215677900461_690815952_n

Il laboratorio, che propone l'applicazione di tecniche teatrali per l'apprendimento dei suoni della lingua seconda, si colloca nelll'ambito del percorso "La lingua come luogo di incontro. Didattica dell'italiano come lingua seconda e straniera" del 9 luglio 2012 (Palazzo Steri, SoleLuna Festival 2012).

Vai al video

FotoGallery