Salta al contenuto principale
Passa alla visualizzazione normale.

Settore biblioteca digitale e sistemi di gestione delle biblioteche

Gestione bibliografie personali

In questa pagina una serie di consigli e suggerimenti per chi si trova alle prese con la stesura della bibliografia, sia che si tratti di una tesi di laurea che di un lavoro scientifico, e desidera velocizzare il proprio lavoro e svolgerlo correttamente.

 

Che cos’è una bibliografia 

Software di gestione bibliografica: EndNote, Zotero, Mendeley

Stili citazionali

Risorse utili per la compilazione della bibliografia, delle note e delle citazioni bibliografiche


Che cos’è una bibliografia 

La bibliografia è un elemento di grande importanza all’interno di un lavoro scientifico o di una tesi di laurea: è l’elenco organizzato delle fonti e delle risorse (libri, articoli, saggi, pagine web, etc.) effettivamente consultate ed utilizzate dal ricercatore durante il suo lavoro perché ritenute di un qualche rilievo per la propria indagine. 

Redigere una buona bibliografia dà pregio e valore scientifico al lavoro, infatti l’elenco delle fonti consultate fornisce indizi per una prima valutazione sulla qualità dell’indagine condotta e la bibliografia è spesso la parte che, insieme a titolo, sommario e apparato citazionale, viene subito consultata dal lettore competente.

La bibliografia identifica univocamente i documenti citati e ne permette il successivo reperimento ai lettori in biblioteca o sul web. Quando la si redige occorre scegliere uno stile citazionale: ne esistono tanti, ma l’importante è che, una volta scelto uno stile, venga mantenuto in maniera coerente per tutto il corso del lavoro.

 

Software di gestione bibliografica: EndNote, Zotero, Mendeley

Si segnalano alcuni tra i più diffusi software di gestione bibliografica. Si tratta di sistemi che gestiscono e facilitano l’intero processo di raccolta e organizzazione del materiale propedeutico alla stesura di un testo scientifico. Permettono di importare le citazioni da cataloghi e banche dati, di catalogarle, taggarle, organizzarle in maniera efficace, di personalizzarle con annotazioni e di formattarle automaticamente secondo lo stile citazionale prescelto.

Per la scelta del software più adatto alle proprie esigenze si consiglia di consultare la scheda comparativa dei programmi di gestione bibliografica a cura dell’Università di Pavia.

Per approfondire: Bibliografia sui Reference Management Tool condivisa su Citeulike

 

EndNote Web

EndNote Web  è un servizio on-line riservato agli utenti dell’Ateneo di Palermo nato per aiutare studenti, studiosi e ricercatori a scrivere ed organizzare le citazioni bibliografiche. E’ un software completamente integrato alla piattaforma Web of Knowledge che permette di gestire bibliografie personalizzate: consente di importare riferimenti bibliografici da Web of Science e da centinaia di altre importanti banche dati e di formattarle in migliaia di stili bibliografici diversi; di creare una propria libreria di citazioni personalizzata e di scaricare il plug-in Cite while you write grazie al quale, tramite apposita toolbar integrabile con Microsoft Word, si possono inserire citazioni da EndNote Web durante la composizione di un documento di testo.

In particolare, EndNote Web permette di:

  • importare in modo rapido e semplice fino a 10.000 riferimenti bibliografici da Web of Science e da centinaia di altre importanti banche dati;
  • creare la propria libreria, protetta da password e accessibile da qualsiasi punto di accesso ad Internet, in cui salvare e memorizzare le citazioni bibliografiche;
  • condividere con altri utenti le proprie bibliografie;
  • trasferire le citazioni bibliografiche sul desktop;
  • formattare le bibliografie in migliaia di stili bibliografici diversi;
  • importare e formattare rapidamente le citazioni bibliografiche in un documento Word o RTF.


Come si usa?

Per utilizzare EndNote Web è necessario creare un profilo collegandosi al sito, oppure accedendo alla banca dati Web of Science e cliccando su EndNote. Gli utenti che possiedono già un account ISI Web of Knowledge non hanno bisogno di nuova registrazione e potranno usare le medesime credenziali di accesso. Dopo la registrazione, al primo accesso apparirà la guida “Getting start with EndNote Web” con tutte le indicazioni e i link per la raccolta, l’organizzazione, la condivisione, la formattazione dei riferimenti bibliografici.

E’ possibile effettuare ricerche in banche dati ISI Web of Knowledge, PubMed e in molte altre o direttamente tramite EndNote Web o con appositi collegamenti esterni.

Tramite “My References” è possibile sempre visualizzare le proprie ricerche salvate nonché quelle condivise con altri utenti EndNote Web.

Le citazioni possono essere salvate in diversi stili differenti e il plug-in Cite while you write permette, tramite apposita barra degli strumenti integrabile con Microsoft Word, di inserire citazioni da EndNote Web durante la composizione di un documento di testo.


Per saperne di più

 Ancora tante sono le potenzialità dello strumento. Per scoprirle:


Zotero

Zotero  è un’estensione di Mozilla Firefox. E’ un tool di citation management molto utilizzato che permette di catturare e archiviare pagine e documenti web trovati in cataloghi, banche dati e altre risorse elettroniche, di riconoscere i riferimenti bibliografici, di catalogarli e annotarli e di formattare i dati secondo lo stile citazionale prescelto. Zotero si integra con Word ed Open office tramite un apposito plug-in che aggiunge una toolbar al programma di scrittura per importare direttamente le citazioni.

Guida veloce di Zotero in italiano 

Video guida di Zotero in italiano 

Presentazione di Zotero / Claudia Cavicchi 

 

Mendeley 

Mendeley è un software di gestione bibliografica per Windows, Mac OS X e Linux, indirizzato alla comunità accademica, che consente di archiviare in un unico contenitore, gestire, ricercare, annotare e taggare tutti  i documenti  raccolti (prevalentemente in PDF) destinati allo studio e alla ricerca scientifica , prelevati da diversi cataloghi e banche dati. Mendeley si può utilizzare secondo una duplice modalità (web e desktop) e le due soluzioni sono sincronizzabili. Permette di importare facilmente i dati bibliografici da numerosissime fonti direttamente su MSWord e OpenOffice tramite una toolbar e di formattarli in più di mille stili citazionali.

Tutorial di Mendely

 

Per approfondire:

Mendeley, dal social bookmarking al reference management: uno strumento innovativo per la gestione delle citazioni bibliografiche / Enrico Francese

Presentazione di Mendeley / Claudio Fabri

 


Citazioni bibliografiche e stili citazionali

Ogni volta che in un lavoro scientifico si riporta un pensiero altrui è fondamentale riconoscerlo (anche per non incorrere nel reato di plagio) e segnalarlo tramite la citazione bibliografica.

L’opportunità di inserire una citazione nel proprio lavoro deriva o dall’esigenza di testimoniare il pensiero di cui si sta parlando o dalla necessità di dare sostegno al concetto espresso attraverso il ricorso ad una seconda voce più autorevole o semplicemente antecedente alla propria o dal desiderio di mettere a confronto idee e opinioni di diversi autori arricchendo così la propria ricerca di spunti.

In ogni caso, un buon corredo di citazioni costituisce un parametro valutativo importante per dimostrare la scientificità di una ricerca.

Le citazioni possono essere dirette”, quando riportano tra virgolette le esatte parole dell’autore, oppure essere parafrasi, cioè rielaborazioni degli scritti altrui.

Riguardo alla struttura, le citazioni devono riportare fedelmente il testo della fonte originale e possono essere accorpate all'interno del testo come inserzioni "in corpo" (in caso di citazioni brevi, in genere meno di 40 parole, il testo citato letteralmente viene integrato e racchiuso tra virgolette ) e "fuori corpo" (per citazioni più lunghe: il testo citato viene inserito a parte rispetto al testo, senza virgolette e rientrato rispetto al corpo principale). In caso di omissioni, queste vanno segnalate con tre puntini di sospensione e in caso di aggiunte estranee al testo originali, ma funzionali a meglio legare il contenuto, queste saranno evidenziate tra parentesi quadre.

Attraverso la citazione bibliografica un documento (interi volumi, singoli articoli, siti web, immagini, etc.) viene identificato univocamente per poter essere poi recuperato. A tal fine le citazioni riportano elementi essenziali: autori, titoli, data, url, etc.

Le citazioni seguono uno stile standardizzato (stile citazionale) che va applicato con coerenza e omogeneità in tutto il lavoro.

Esistono numerosi stili citazionali utilizzati in tutto il mondo e la scelta dello stile da adottare dipende generalmente dalla comunità scientifica in cui si opera o dagli stili redazionali prescelti dalla casa editrice con cui si sta pubblicando o, nel caso della tesi di laurea, dalle indicazioni del relatore.

Ciò che diversifica uno stile citazionale dall’altro è il diverso rapporto che si viene a creare tra il testo scritto, la citazione e l’elenco bibliografico finale.

Riguardo alla dipendenza dello stile dall'area disciplinare, in linea generale è possibile dire che l’area disciplinare delle Scienze sociali (Economia, Scienze della Comunicazione) privilegia lo stile Autore-data (es: APA), l’area Scienze umane e Belle arti lo stile Note-bibliografia (es.: Chicago A e B, Vancouver Style), l’area delle Scienze naturali, biologiche e mediche lo stile Autore-anno (es.: Harvard style).

 

Per saperne di più su citazioni bibliografiche e stili citazionali:

Le citazioni bibliografiche: una guida introduttiva per interpretare e redigere correttamente le citazioni delle fonti bibliografiche /di Claudio Gnoli


Le citazioni bibliografiche / Annalisa Angelilli, Loretta Manzato


Citazioni bibliografiche: criteri e indicazioni / Ilaria Moroni


Le citazioni bibliografiche / SBA Università di Trento

 

Risorse utili per la compilazione della bibliografia, delle note e delle citazioni bibliografiche

Su Tracciarisorse numerose risorse in rete selezionate e di qualità utili a chi sta lavorando alla tesi o sta stendendo un lavoro scientifico:  manuali di stile, guide alla stesura della bibliografia e alla compilazione delle citazioni bibliografiche, guide alla ricerca e alla redazione della tesi di laurea.